Kevin Love è il nuovo Chris Bosh

Kevin Love in 5 anni di carriera non ha mai disputato una gara di playoff, ed a meno di cataclismi non succederà nemmeno questa stagione. I suoi Minnesota Timberwolves sono a 5.5 partite di ritardo per l’ottavo seed ad ovest ed è una sensazione comune che il suo tempo nella città di Minneapolis sia agli sgoccioli. Da diverso tempo girano voci di un suo possibile approdo a Los Angeles, sponda Lakers, sia che avvenga tramite trade in estate o via mercato Free Agency nel 2015.

Ma che impatto potrà avere Love altrove, con un ruolo che sarà differente da quello rivestito ai Timberwolves, dove la squadra è costruita attorno a lui?

Date un occhiate alle due statsline che riporto qui sotto:

  • 26,5 punti, 13,1 rimbalzi, 46% al tiro su 18,6 tentativi a sera, record di squadra 32-31 (al momento in cui scrivo).
  • 24,0 punti, 10,8 rimbalzi, 52% al tiro su 16,5 tentativi a sera, record di squadra 40-42.

La prima riga evidenzia le cifre di Kevin Love in questa stagione, quella successiva, sono le statistiche di Bosh nel 2010. Entrambi 25enni, entrambi ad un passo dalla svolta nelle rispettive carriere.

Nell’estate del 2010 Chris Bosh firmò per gli Heat, reclutato da Wade che poi convinse anche LeBron James a vestire la maglia degli Heat, scelta che ha fruttato 2 titoli e 3 apparizioni in finale.

A Miami Bosh ha cambiato il suo modo di giocare, smettendo i panni di primo violino per mettersi al servizio delle esigenze della squadra, cambiando il suo ruolo, il suo approccio alle partite e rivestendo un ruolo tattico estremamente importante. Un processo durato 3 anni che oggi ha restituito al mondo un Chris Bosh maturo, concreto, rivitalizzato, decisivo, collante prezioso e uomo chiave nelle strategie dei Miami Heat.

L’evoluzione di Kevin Love, nella sua prossima e probabile destinazione, a mio avviso, va in quella direzione.

A dare maggiore adito a questa comparison mi viene incontro il loro ruolo nel Team USA campione in Cina del 2008 e a Londra nel 2012. In quei due team i compiti di Bosh e Love furono pressochè identici svolti con la solita efficacia. Fu il preludio al loro imminente futuro.

Ad entrambi, al culmine della loro crescita tecnica e dell’espressione massima del proprio potenziale, sono state affibbiate l’etichette di “perdenti”, “soft”, “pessimi difensori”. Entrambi hanno fallito nel reggere le pressioni derivanti dall’essere il volto della franchigia.

Bosh in 7 anni a Toronto trascinò i Raptors a due sole apparizioni ai playoff, peraltro scomparendo dal campo in quelle poche gare di primo turno disputate. Era il giocatore franchigia, ma la somma dei suoi pregi era inferiore a quella dei difetti che palesava in campo. Era un All-Star fatto e finito, ma il privilegio di essere il go to guy in una squadra mediocre lo portava a omettere la parte difensiva del gioco, rifiutava di giocare vicino a canestro ed attorno a lui dovevano adattarsi i suoi compagni di squadra.

Il percorso di Love ai Timberwolves per certi versi è simile. A differenza di Bosh ha avuto meno puzza sotto il naso, e rapporti migliori con i compagni e più senso di responsabilità verso i destini della propria franchigia. Non è stato la causa del mancato raggiungimento dei playoff negli ultimi anni, perchè gli infortuni hanno incisi in modo disastroso sui destini dei Wolves, ma alcune responsabilità ricadono anche sulle sue spalle.

Lasciando Toronto, Bosh si è messo in discussione ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. E’ cresciuto difensivamente, aiutato dal sistema difensivo degli Heat e dalle dinamiche di una difesa feroce sui portatori di palla nei giochi a due che favorisce le sue caratteristiche fisiche. A Toronto era un pessimo difensore in aiuto e sulla palla, a Miami è stato un fattore in ambedue le situazioni, specialmente nei playoff, in cui le sue stoppate, le sue chiusure o i suoi aiuti sono stati spesso decisivi ai fini della vittoria degli ultimi due titoli.

Lasciando il Minnesota, Kevin Love dovrà evolversi in un giocatore del genere, soprattutto se la sua nuova meta saranno i Lakers di Kobe Bryant. Dovrà dimenticarsi di essere un giocatore da 25 punti di media e 20 possessi a partita. Non perchè non se li meriti o non li abbia nelle mani. Semplicemente perchè ai Lakers passa tutto dalla mani di Kobe e togliergli spazio significa iniziare una guerra psicologica che nel corso degli anni ha portato a far capitolare le teste di O’Neal e Howard. A Los Angeles, ma anche altrove, dovrà cambiare il suo gioco: non più (solo) quantità, ma qualità. Proprio come prima di lui ha fatto Chris Bosh.

Il Chris Bosh che è passato da 24 punti di media ai 16,6 della scorsa stagione è un giocatore tutto sommato più completo, migliore e soprattutto più decisivo. Il nuovo Chris Bosh potrebbe essere proprio Kevin Love.

Questo articolo è stato pubblicato in anteprima su Playitusa.com

Un pensiero su “Kevin Love è il nuovo Chris Bosh

Dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...