Il Breakdown dei 51 punti di Steph Curry contro i Magic.

Diffidate da chi vi dice che i Warriors e Steph Curry stiano rovinando il basket perchè tirano solo da tre punti. Il tiro da tre è l’ultimo problema del loro modo di imporre il proprio gioco.

Anzi, guardando i Warriors non si smette mai di imparare.

Ne ho già parlato sul Buzzer Beater Blog per la rubrica #BasktballPorn di come i Warriors giochino in modo talmente semplice da risultare rivoluzionario.

Poi arriva Steph e piazza 51 punti in 34 minuti tirando 20/27 dal campo, 10/15 da tre e 10/12 da due. Il primo giocatore da Kobe Bryant nel 2007 a segnare 40 e 50 o più punti in due partite a fila. Con Wade e James l’unico giocatore a piazzare almeno tre 50elli in una stagione dal 2008/2009. Battuto il record di 127 partite a file con almeno una tripla a segno di Korver. Contando la post season, 149 partite a fila con almeno 3 triple messe a segno. Unico giocatore negli ultimi 50 anni a segnare almeno 50 punti tirando un solo tiro libero.

si ma quello 0/1 dal gomito sinistro rovina tutto eh...
si ma quello 0/1 dal gomito sinistro rovina tutto eh…

Pensi a Steph Curry e ti viene in mente il suo tiro da tre. Che basi tutto il suo gioco sul tiro da tre.

Si, ha range illimitato, eh si, si prende dei rischi quando tira da 9 metri o con l’uomo in faccia o in situazioni che notoriamente sconsigliano un tiro. Ma la forza sua e dei Warriors è che sono tiri che rientrano nel loro sistema di gioco, che non inficiano sull’esecuzione del loro attacco.

Ma soprattutto sono solo una parte del gioco di Steph. La punta dell’iceberg.

Ci sono delle cose che purtroppo passano troppo inosservate: la sua visione di gioco, la sua capacità di dare via il pallone, la sua insospettabile fisicità che gli permette di assorbire contatti violenti, il suo equilibrio, il suo ball handling. Tutta roba da elite delle lega che passa in secondo piano rispetto ai suoi tiri folli, di una follia lucida che solo lui riesce a padroneggiare con successo.

Ogni singola partita lui mette in campo queste doti. Quella contro i Magic non ha fatto eccezioni. E’ riduttivo guardare solo i canestri impossibili che mette, ti gusti solo una parte della “Steph Curry Experience”.

Mettiamoci comodi ed andiamo a analizzare tutti i suoi tiri ed i suoi migliori highlights:

Layup. Finta di giocare un pick & roll con Bogut, passaggio, spin-move su Oladipo e canestro facile da sotto.

Layup. Fournier vuole anticipare il blocco di Green, lettura di Steph che “slippa” e di backdoor va a depositare in appoggio al vetro.

Assist. Questa è la cosa che più mi fa impazzire di Steph: prende il rimbalzo, apre la transizione, “scansiona” il campo e vede che Payton è in ritardo di Thompson. Fa volare la palla avanti e serve Thompson per un tiro aperto da tre punti.

Tiro da tre. Pull-up. Primo errore al tiro. Forzatura.

Assist. Spinge la transizione. Gordon marca Green ma lascia il suo uomo per paura di prendersi una tripla in transizione di Steph. Steph con il contagiri serve un pocket pass a Green che va a schiacciare.

Tiro da tre. Pull-up. Transizione con blocco di Green che provoca l’aiuto di Gordon. Curry è paziente ed aspetta che gli si presenti l’opportunità. L’opportunità arriva nel momento in cui Gordon recupera su Green e Oladipo torna su Steph. In quella frazione di secondo si apre lo spiraglio. Westbrook in una situazione del genere va dentro con la moto e porta via il ferro. Steph, spara il tiro da tre dal palleggio.

Tiro da tre. Catch and Shoot. Oladipo si spalma sul blocco di Bogut. Per Curry è un rigore a porta vuota.

Tiro da tre. Catch & Shoot. Secondo errore al tiro. Una mezza forzatura, anche se poteva starci in uscita dai blocchi.

Tiro dal midrange. Catch & Shoot. Nasce tutto molto prima, dallo slip di Curry sul blocco di Barnes che produce l’extrapass di Iguodala per un open shot di Barbosa. Rimbalzo Warriors, Curry si tiene in movimento, Iguodala lo serve, mette i piedi a posto e spara e segna.

Layup. Batte Oladipo in backdoor oltre la linea dei 3 punti. Ha 7 metri di campo in cui prendere velocità, assorbire il contatto del difensore, trovare l’equilibrio, appoggiare al vetro, segnare e subire fallo. Ricordiamolo: sa solo tirare da tre punti!

Assist. Sfrutta un blocco, riceve un consegnato, è raddoppiato, scansiona il campo, i Warriors sono spaziati magnificamente, alza il pallone in semigancio quaasi senza guardare perchè sa già che Bogut è lì ad aspettare il pallone per un alleyhoop.

Assist. Come nella prima clip finge di giocare un pick & roll con Bogut, gli passa il pallone, spezza il movimento e taglia dentro. Bogut vuole passargli il pallone ma non riesce. Ribaltamento, Curry riceve da Green e spara un fulmine a Thompson che riceve in area e segna. In questa azione ci sono almeno 2/3 errori da parte dei Warriors, che però continuano a muoversi in modo armonioso pressando costantemente la difesa.

Tiro dal midrange. Pull-up. Canestro. 3° tiro forzato della sua gara fino a questo momento.

Layup. Prende velocità a meta campo grazie al blocco di Green che crea vantaggio su Oladipo. Vucevic è un cervo in autostrada nel rincorrere Curry a 8 metri dal canestro. Curry ci mette un po di effetti speciali l’esitation in palleggio e appoggia la vetro.

Tiro da tre punti. Terzo errore al tiro. Tira da 8 metri ma ha “luce” e spazio per prendersi un tiro aperto.

Per i soli parziali del primo tempo: 22 punti, 6/6 da due punti, 3/6 da tre punti, appena 3 tiri forzati.

Secondo tempo:

Layup. Errore su un tiro ad alta percentuale. Esecuzione in stile spursesco: palla in post, finta di uscita zipper, backdoor e tiro da sotto.

Tiro dal midrange. Pull-up. Consegnato con Bogut, finta di tiro per far saltare Oladipo, Vucevic gli nega la penetrazione ma gli lascia 2 metri buoni per prendersi un tiro dal gomito. P.S.: le analytics sconsigliano i tiri dal midrange si, ma quelli contestati, questo è un tiro ad altissima percentuale che gli eserciti delle calcolatrici reputano ottimale.

Tiro da tre. Catch & Shoot. Un tiro apertissimo in transizione. Splash!

Assist. E’ accerchiato da tre giocatori. In modo “nashesco” tiene aperto il palleggio e continua a attaccare, porta a spasso la difesa e serve a Barnes in cioccolatino che non può esimersi dal segnare.

Tiro dal midrange. Catch & Shoot. Errore, il 5° della sua partita. Sfrutta il blocco di Green per ricevere al gomito. Il tiro non è contestato.

Tiro da tre. Pull-up. Steph duetta con Bogut. Riceve in consegnato, Bogut gli crea spazio, si alza dalla linea dei tre punti per un tiro non contestato che mette nel sonno 99 volte su 100.

Layup. in Backdoor facendo fesso Payton.

Tiro da tre. Pull-up. Il 4° tiro forzato della sua partita. Ma con criterio: vieni da un 13/18 al tiro fino a quel momento, ha già messo 32 punti e ti senti immarcabile. Canestro.

Assist. Pochi secondi prima ha messo un tiro da 8 metri e mezzo con l’uomo in faccia. I Magic hanno talmente paura che ne prenda un altro che in 4 hanno occhi solo per lui e si dimenticano Draymond Green sotto. Per Curry è tutto troppo facile.

Tiro da tre. Catch & Shoot. Draymond Green nelle vesti di playmaker. Curry in quelle di bloccante per il vostro classico doppio pick & roll alto. Curry si apre, riceve e tira con mezzo metro di spazio. E’ il suo 6° e penultimo errore della partita.

Tiro da tre. Catch & Shoot. In uscita dai blocchi, con almeno tre metri di spazio e non contestato. L’ennesimo rigore a porta vuota della sua partita. P.S.: se fossi in Skiles esigerei in sacrificio il cuore di Oladipo.

Tiro da tre. Pull-up. Lo definirei così. E voglio fare l’hater e dire che lo ha forzato. Tanto è appena la sua 5° forzatura in tutta la partita, mi perdonerà. Ah… comunque fa canestro.

Assist. Finta per smarcarsi da Payton, Ilyasova raddoppia forte sul pick & roll consegnato, Curry aspetta il momento giusto e serve Varejao per il canestro e fallo. Le spaziature dei Warriors sono da manuale, by the way.

Layup. Si porta appresso tutta la difesa, la difesa dei Magic è abbastanza competente da fargli prendere un tiro difficile e contestato che lo fa arrivare alla 6° forzatura della sua gara. Lo segna comunque.

Tiro da tre punti. Pull-up. Da metà campo. Are U Kidding me!!!!!

Tiro da tre. Catch & Shoot. In step-back da 8 metri. Con l’uomo addosso. Solo rete. la 7° forzatura della sua partita sul 120-107 e 3.24 dalla fine gliela possiamo pure perdonare.

Tiro da tre. Catch & Shoot. Ultimo errore della sua partita. E’ comunque un tiro piedi per terra con 2 metri di spazio.

Layup. In Backdoor. Connettendosi telepaticamente a Draymondo Green.

Ricapitolando: 51 con 20/27 al tiro, 7 tiri forzati, 5 di questi messi a segno.

E il riepilogo di tutti i suoi tiri.

Per genere.

screenshot1

Per tempo di possesso.

screenshot

Per distanza dal difensore.

screenshot2

Ancora convinti che Curry e i Warriors siano l’antibasket?

 

 

Dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...